HOME » LE NOSTRE PUBBLICAZIONI


In questa sezione si possono trovare le pubblicazioni dei libri scritti dai soci C.I.R.S. sia individualmente sia in collaborazione tra loro.
Le pubblicazioni sono ordinate in base all'anno di pubblicazione, dalle più recenti (in alto) alle più vecchie (in basso)The collection is so huge and with lots of variety that you are sure to find Replica Watches for everyone.

Donne Oggi

di Iole Baldaro Verde - Roberto Todella

Donne Oggi

è uscito i primi giorni di aprile il nuovo libro: "DONNE OGGI - Riflessioni tra conquiste e conflitti"
Quante donne tra loro diverse vivono fianco a fianco nella nostra società? Molteplici. Non più un profilo di donna, quindi, ma modi differenti di affermare e realizzare la propria femminilità. Questa realtà è il frutto di tante conquiste che hanno aperto tuttavia la porta a nuovi conflitti. Eros e lavoro sono diventati per molte una ricchezza alla quale non è più possibile rinunciare, ma come ridurne il prezzo che viene richiesto? Nel vivere le loro nuove identità le donne infatti rischiano di adeguarsi ai modelli tradizionali maschili, nel lavoro come nella sessualità, mettendo in pericolo parte di una autentica femminilità. Anche dalla maternità, scelta e non più subita, nascono ulteriori conflitti.

Acquista il libro on line: www.compositori.it/scheda_numero.asp


Perché la sessualità

di Antonio Imbasciati

Perché la sessualità

ACQUISTA IL LIBRO ON LINE:
http://www.piccin.it/libri/9788829920624/perche-la-sessualita.html?extra=scheda

Sulla sessualità e sull’amore si è scritto fin da quando si è inventata qualche forma di scrittura. Ancor prima l’homo sapiens ha voluto raffigurarli, già in qualche incisione rupestre, poi con lo sviluppo delle arti plastico-figurative, e ha sentito il bisogno di celebrarlo, nel canto, nella danza, nella poesia; di regolamentarlo negli ordinamenti sociali e nelle religioni, in alcune per esaltarlo in tutte le sue forme. L’argomento sembra aver occupato la mente dell’uomo in modo pregnante e continuativo. Perché? Per la semplice sopravvivenza inerente la riproduzione della specie? Una volta che l’homo sapiens poté ben conoscerla e prendersene controllo e cura, perché mai ha continuato a parlarne, scrivere, fantasticare, legiferare? Istinto iscritto nella specie? A maggior ragione, se fosse stato istinto, come tale predeterminato, perché mai l’argomento avrebbe dovuto interessare e preoccupare proprio la parte più sapiens del genere umano? Si può invocare la complessità, l’ambivalenza e l’opacità degli affetti che vi si muovono: ma in che cosa ciò consiste? Come in ogni civiltà, fino ai giorni nostri sulla sessualità, e sull’amore, è stato e tuttora viene scritto un mare di letteratura: da quella romanzesca, a quella poetica, a quella pornografica, a quella scientifica. In quest’ultima ci si aspetterebbe serietà e chiarezza: tutt’altro. Le scienze che si arrogano spesso esclusivamente, il marchio doc della scientificità, ovvero quelle medico-biologiche, presentano produzioni tutt’altro che omogenee, ma soprattutto riduttive: genetica e biologia poco ci dicono su quell’umano che su questo tema sembra aver occupato, affascinato e preoccupato la mente delle persone. Medicina e fisiologia si limitano a dirci come funzionano gli organi genitali, o come dovrebbero; e quando qualche persona ne patisce (= paziente), più che indagarne le ragioni originarie, cercano di correggere il funzionamento degli organi, trascurando proprio la “persona”.

Le neuroscienze e la psicologia sperimentale hanno ampiamente dimostrato come tutte le manifestazioni sessuali dipendano dal S.N.C., cioè dal neuropsichico: tuttavia perdura l’idea, oggi ancor più di ieri, che la sessualità umana sia questione di organi, come per il fegato o lo stomaco.

Perché mai tale resistenza ad accettare la scienza in questo campo? D’altra parte in altre scienze, come in sociologia, in antropologia e soprattutto nelle varie scienze psicologiche, abbiamo una congerie di contributi, quasi sempre settoriali, in cui spesso, con la scusa della divulgazione si slitta nel pettegolezzo seduttivo, se non nella ciarlataneria reclamistica.

Lungo il mio percorso scientifico, ormai verso la sua fine, ho scritto alcune decine di saggi sulla sessualità: tra questi tre dei miei volumi sono stati interamente dedicati al tema (cfr. www.imbasciati.it). La mia duplice formazione di psicoanalista e di psicologo sperimentalista, e anche le mie origini mediche, mi hanno permesso di constatare, sia l’enormità dei problemi di vario ordine all’argomento connessi, sia il caos di molta letteratura scientifica. Gran parte della suddetta congerie è dovuta ad una malintesa necessità di dare una risposta chiara e rapida: questo si traduce in una parcellizzazione dei problemi e in un riduzionismo metodologico per trovare subito una risposta univoca. Vale la pena dunque porsi un perché. Al di là delle considerazioni ingenue, questo “perché” promette ancor oggi così tanti sviluppi che rispondervi subito sarebbe una disgrazia: un arresto della Ricerca della mente dell’homo sapiens.

Recentemente la letteratura psicologico-sperimentale sull’Attaccamento sembra raccogliere e favorire un’integrazione tra le varie metodologie sperimentali e i rilievi clinici, soprattutto psicoanalitici. Le ipotesi teoriche della psicoanalisi sono state d’altra parte largamente riformulate. Ancor più recentemente le neuroscienze, la neuropsicoanalisi in particolare, e in genere lo studio del cervello emotivo e delle capacità relazionali, sembrano promettere maggiori conoscenze.

In questo quadro, col presente testo ho scelto stralci di miei lavori degli ultimi lustri per collegarli ai più recenti contributi della Psicologia Clinica Perinatale e delle Neuroscienze della Relazione in un unico filo conduttore, che dimostri la complessa evoluzione della ricerca scientifica in questo campo.

Molti interrogativi rimangono aperti ed altri ne ho proposti, in ipotesi antropologiche concernenti il futuro dell’umanità.

Il volume è indirizzato in primo luogo agli specialisti dell’argomento, i sessuologi, agli psicologi clinici che vi fanno ricerca e a quelli che professionalmente si trovano a fronteggiarlo, nonché ai medici, che su questi temi, ancorché non aggiornati sono di fatto i consulenti più frequenti. Pur attenendomi a rigorosità scientifica, ho curato un’esposizione chiara, accessibile a qualunque pubblico colto: credo pertanto che il libro, nella sua visione interdisciplinare, possa essere utilizzato da tutti coloro che operano nel campo dell’educazione, della salute, dei servizi sociali, nonché da chi voglia a livello personale documentarsi su propri problemi, o più ancora da chi, pensando ai propri figli nella società attuale, ne abbia a cuore un loro sano sviluppo.


Anticorpi. Dieta, fitness e altre prigioni

di Luisa Stagi

Anticorpi. Dieta, fitness e altre prigioni

Franco Angeli, 2008
Clicca qui per acquistare il libro: www.francoangeli.it/ricerca/Scheda_Libro.asp
Perché ci sembra normale stare costantemente a dieta? Perché provocano fastidio le persone sovrappeso? Perché le bambine sognano di diventare delle Barbie? Si può vivere come una Bratz tra diete e shopping? Come è possibile che l'anoressia venga esaltata in film, libri e siti internet? Come vivono e raccontano il loro corpo i body builder? Si può parlare di dipendenza da sport? Perché sempre più persone marchiano il loro corpo con tatuaggi, piercing e altre modificazioni corporee? Che rapporto c'è tra Michael Jackson e il boom della chirurgia estetica? Perchè i timori per i cibi non sani diventano un filone per libri gialli? Hanno qualcosa in comune tutti questi interrogativi? Partendo da una prospettiva sociologica, ma utilizzando un linguaggio accessibile a tutti, si cerca di rispondere a questi interrogativi attraverso un percorso di ricomposizione dei frammenti di realtà che concorrono a costruire il "discorso" culturale intorno al corpo.


Identità senza confini. Soggettività di genere e identità sessuale tra natura e cultura

di Abbatecola E.; Stagi L.; Todella R. con il contributo di Iole Baldaro Verde

Identità senza confini. Soggettività di genere e identità sessuale tra natura e cultura

Clicca qui per acquistare il libro: www.francoangeli.it/ricerca/Scheda_Libro.asp
Cosa significa essere donna ed essere uomo oggi? La complessità della risposta ha portato le autrici e l'autore a definire l'identità senza confini o dai confini non ancora del tutto esplorati. Il libro nasce da una riflessione a più voci sul rapporto tra genere e identità, e quindi sulla mai risolta tensione tra natura e cultura. La natura definisce differenze biologiche, sulle quali poi la cultura costruisce significati, variabili nello spazio e nel tempo, in grado di plasmare aspettative, desideri, scelte, percorsi di vita, nonché sguardi (il nostro come quello di coloro che ci circondano). La sfida delle autrici e dell'autore è stata quella di ragionare su genere e identità, inoltrandosi anche su terreni meno battuti (il corpo, l'erotismo, l'omofobia), attraverso un approccio interdisciplinare. L'identità, se non è del tutto senza confini, ha certamente meno limiti che in passato, offre nuove opportunità ma genera anche nuovi conflitti che derivano da una tensione irrisolta tra tradizione e cambiamento. Esplorare la complessità dell'identità, e dell'identità sessuale in particolare, osservarla da differenti angolature (biologica, psicologica e sociologica) offre una preziosa opportunità di riflessione su se stessi e su una realtà sociale e culturale non sempre facile da decifrare e da vivere.


La freccia e il dolore. Vaginismo e condizione femminile

di Luciana Tumiati

La freccia e il dolore. Vaginismo e condizione femminile

La ginecologa e psicoterapeuta Luciana Tumiati per illustrare un tema delicato come il vaginismo ricorre suggestivamente a figure letterarie e mitologiche come Ehrengard di Karen Blixen; Atena, la terribile e altera vergine guerriera; Artemide, la cacciatrice selvaggia; Antigone con la sua pietà sacrificale risolutamente chiusa in sé stessa; le Amazzoni e il loro orgoglioso isolamento. La sindrome del vaginismo, purtroppo "pronta a nascondersi nei paragrafi minori dei trattati di medicina", è affrontata considerando fondamentalmente le paure delle donne, le loro sofferenze, le loro fughe ostinate. Donne in cui si incarnano e prendono vita quelle componenti mitico-archetipiche che, guardando alla storia e ai suoi sviluppi sociali, circondano da sempre il corpo e il femminile. Donne che affrontano la bruciante e irriducibile conflittualità del desiderio intrappolate nei loro confini, quasi fossero angeli asessuati e "sublimati", come scrive Augusto Romano nella sua presentazione. Ed è proprio nella seconda parte del volume che Luciana Tumiati, portando il lettore sul terreno dell'analisi, con la ricchezza dei casi clinici indica il modo di guidare le pazienti verso il superamento di quei confini apparentemente invalicabili, verso l'accettazione dell'incerto, del rischio e delle opportunità insiti nella differenziazione, nella relazione con l'altro.


Luci e ombre nella coppia di oggi

di Jole Baldaro Verde, Roberto Todella ( a cura di)

Luci e ombre nella coppia di oggi

Quale futuro per la coppia? Cosa la rende fragile e allo stesso tempo sempre attraente? Quali le sue origini e la sua evoluzione? Queste sono alcune domande alle quali si cerca di dare risposta, analizzando la coppia nella realtà di oggi, con le sue luci e le sue ombre, con le tante novità e le conseguenti difficoltà che la investono.
Partendo dalle mutate relazioni tra uomini e donne che sono alla base della società occidentale moderna, vengono affrontati temi quali la formazione della coppia in età adolescenziale, la ricerca del partner, la difficoltà di distacco dalle famiglie di origine, la "costruzione" di una coppia e i "giochi" al suo interno, la centralità del piacere e dell'eros affinché possa durare, i momenti di affanno e i passaggi di età fino alla coppia anziana. Inoltre viene affrontata l'affettività e la sessualità nelle coppie omosessuali maschili e femminili e proposto uno sguardo alla coppia nella cultura islamica.
Il testo, nato dal confronto di un gruppo di medici e psicologi appartenenti al Centro Interdisciplinare per la Ricerca in Sessuologia di Genova, è il frutto dell'esperienza maturata nell'ascolto dei problemi della vita affettiva e sessuale e si propone come spunto di riflessione per tutti coloro che, per motivi professionali o personali, vogliono interrogarsi sulla complessità e sulla ricchezza delle relazioni di coppia.


Lucia nella bocca di lupo. Storia di amicizia, di amore e di sesso in un carcere femminile del Sud

di Gloria Persico

Lucia nella bocca di lupo. Storia di amicizia, di amore e di sesso in un carcere femminile del Sud

http://www.ibs.it/code/9788895233024/persico-gloria/lucia-nella-bocca.html
Kairos
2007
Lucia, una poliziotta, finisce in carcere per una calunnia. Il suo percorso personale attraversa tutti gli stadi del faticoso adattamento alla reclusione, compreso il delicato rapporto con le compagne: donne avvezze alle infamie più atroci, spinte dalla detenzione verso un erotismo prepotente. A salvare tutte dal totale naufragio sarà la solidarietà che le unisce. A salvare Lucia sarà, per buona sorte, la Giustizia.


I mutanti del sesso. Dalla lattazione maschile alla nuova specie umana

di Gloria Persico

I mutanti del sesso. Dalla lattazione maschile alla nuova specie umana


http://www.ibs.it/code/9788889337608/persico-gloria/mutanti-del-sesso.html
Croce Libreria
2007


Gli specchi dell'eros maschile

di Jole Baldaro Verde, Roberto Todella

Gli specchi dell'eros maschile

È sempre vero che gli uomini pensano a una cosa sola? Questo libro si propone di offrire a uomini e donne l'opportunità di conoscere la vera natura dell'eros, mettendone in risalto tutta la ricchezza sullo sfondo dell'attuale banalizzazione e mercificazione. L'apparenza di una sessualità libera e appagante per tutti pervade in molti modi la nostra vita pubblica e privata. Le immagini dell'eros, esposte ai "grandi magazzini del sesso" (stampa, cinema, tivù, Internet eccetera), sono divenute un prodotto dell'economia globale, presente ovunque arrivino la televisione o il mondo virtuale della Rete. Ma l'eros non è affatto una conquista recente: non diversamente dal passato, resta un privilegio per pochi


Ferite per sempre. Le mutilazioni genitali femminili e la proposta del rito simbolico alternativo

di Lucrezia Catania, Abdulcadir Omar Hussen

Ferite per sempre. Le mutilazioni genitali femminili e la proposta del rito simbolico alternativo

Editore: Derive e Approdi
Anno Pubblicazione: 2005

Clicca qui per acquistare il libro
http://www.deriveapprodi.org/estesa.php?id=227

Il libro
Abdulcadir Omar Hussen e Lucrezia Catania sono due medici impegnati da trent’anni nella prevenzione e nella cura delle mutilazioni genitali femminili. Per combattere efficacemente queste pratiche, diffuse anche tra le migranti residenti in Italia, hanno avanzato la proposta di un rito simbolico alternativo che ha suscitato un ampio e aspro dibattito. Questo libro ricostruisce i presupposti antropologici e scientifici che sono alla base di questa proposta. Inoltre, raccoglie una serie di testimonianze dirette di donne che hanno subìto o scelto la pratica dell’infibulazione.

Lucrezia Catania e Abdulcadir Omar Hussen
Abdulcadir Omar Hussen (Mogadiscio, 1947), medico. È responsabile del Centro di riferimento regionale per la prevenzione e la cura delle complicanze legate alle mutilazioni dei genitali femminili di Firenze.
Lucrezia Catania (Vibo Valentia, 1952), docente al Master di Bioetica presso l’Università di Firenze e di Siena (2005). È membro del Cirs, Centro interdisciplinare per la ricerca in sessuologia. Nel 2005 hanno ricevuto da parte del Soyden (Somali Youth Development Network) il Certificate of Appreciation per il contributo dato nella prevenzione e nella eradicazione della pratica dell’infibulazione sia in Somalia che in Occidente.


un assaggio...
Con questo libro nutriamo la speranza di colmare alcune lacune riguardo alla pratica e al fenomeno culturale delle modificazioni/mutilazioni dei genitali femminili. Intendiamo inoltre chiarire al grande pubblico le motivazioni etiche, scientifiche ed esistenziali che ci hanno guidato nella nostra battaglia contro le mutilazioni genitali femminili e che ci hanno spinto a suggerire un rito simbolico alternativo. La nostra proposta ha suscitato una polemica durissima non sempre confortata da conoscenze e da ragioni argomentate, figlia invece dell’ignoranza, del pregiudizio e della polemica gratuita. Siamo convinti che, per affrontare in maniera efficace e legittima la discussione sull’argomento delle mutilazioni dei genitali femminili, sia necessario indagare a tutto campo le ragioni che inducono ancora tante donne a praticarle e a farle praticare. In oltre vent’anni di intenso lavoro contro la pratica delle mutilazioni genitali femminili, ci siamo resi conto che è impossibile giudicare senza conoscere e che per conoscere è essenziale non perdere mai di vista il valore dell’esperienza e della condizione personale di chi si sottopone o è costretta a sottoporsi a riti simili. Alla luce del nostro vissuto, della nostra esperienza e dei ricordi non sempre piacevoli nel campo delle mutilazioni genitali femminili, ci sentiamo di consigliare di essere cauti con i giudizi trancianti e definitivi e di non smettere mai, invece, di cercare nel lavoro minuto e paziente le ragioni per superare le esperienze drammatiche delle donne che abbiamo definito, come recita il titolo del libro, ferite per sempre. Un lavoro da svolgere anzitutto con le donne e tra le donne. Un lavoro da potenziare anche con la componente maschile che nelle culture che praticano le mutilazioni genitali femminili gioca un ruolo importante di condivisione o di inibizione di pratiche legate ai riti e alla sessualità.

INDICE PUBBLICAZIONI


Affiliato a:

Dove trovarci...
Italia
soci in Liguria Soci in Piemonte Soci in Lombardia Soci in Toscana Soci in Lazio Soci in Campania Soci in Veneto Soci in Sardegna Soci in Friuli